Novembre 27, 2020

Auguri, GIA Comunicazione! Il futuro comincia adesso_di Claudia Rabellino Becce

E così, senza giri di parole, Gia Comunicazione compie 50 anni. Un genetliaco importante, l’ingresso nella golden age. Si, perché i 50 sono l’età dorata della consapevolezza, quella che spazza via le insicurezze e i dubbi per lasciare spazio a una nuova visione di sè. Un traguardo, certo, ma anche un punto di partenza per nuove sfide, perché i 50 non sono la “mezza età”, sono un’età piena da vivere con nuovi stimoli e rinnovata energia, al di là di ogni pregiudizio ageista.

In 50 anni Gia Comunicazione ha creato periodici, produzioni televisive, opere letterarie (oltre trecento), eventi: un bagaglio di professionalità e esperienze che delinea la sua identità così intimamente legata a quella della nostra splendida Isola.

Giorgio Ariu con Tara Gandhi

Ora tutte le strade restano aperte e reinventarsi, affrontare i cambiamenti di questa strana, nuova realtà che stiamo vivendo, non è più un’opzione ma una necessità. Il mondo sta cambiando, la comunicazione sta cambiando e lo fanno con una velocità mai vista. C’è davanti un nuovo futuro da costruire, come parte attiva del flusso di rinnovamento.

Innanzi a nuove difficoltà bisogna trovare nuove soluzioni. Flessibilità, coraggio, visione, tre parole chiave in un contesto nel quale il mondo come lo abbiamo conosciuto sinora sembra non esistere più.

Riviste che hanno fatto la storia di Gia come Il Cagliaritano e Sardegna a Tavola sono da tempo approdate online. È il nuovo corso. Tutto intorno a noi sta subendo trasformazioni: lavorare, fare shopping, viaggiare, mangiare, relazionarci con gli altri. Chi si occupa di comunicazione deve cogliere la tendenza al cambiamento prima degli altri e, spesso, deve addirittura saperla anticipare.

Con Luciano De Crescenzo

Le parole sono incantesimi, hanno il potere di cambiare il mondo. Ecco perché chi usa le parole per professione ha grande potere e grandi responsabilità.

Le campagne sociali di Gia sulla donazione di sangue, la lotta al bullismo e per il no alla violenza sulle donne sono parte di questa assunzione di responsabilità. Il cambiamento positivo è fatto di piccoli gesti che vedono protagonisti ognuno e ognuna di noi: è l’effetto farfalla che ci vede parti attive nella costruzione di un futuro migliore.

Le sfide del nuovo mondo che abbiamo davanti sono ancora tante e questa pandemia ce le sta mostrando con prepotenza: l’ambiente, la lotta alle diseguaglianze sociali ed economiche, alle discriminazioni, in favore dell’ empowerment femminile sono solo alcune.

Ci vogliono i geni visionari, quelli che sanno risalire la corrente per far sentire la loro voce fuori dal coro senza preoccuparsi del consenso ad ogni costo. Gia ce l’ha, si chiama Giorgio Ariu. A entrambi un solo augurio: a chent’annos (e anche più)!

1 thought on “Auguri, GIA Comunicazione! Il futuro comincia adesso_di Claudia Rabellino Becce

  1. Caro Giorgio, come si suol dire, a chent’annos cun saludi.
    Auguro di cuore a questa casa editrice (e a te) lunghissima vita, sempre in qualità come ha fatto finora.
    Prosit!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *