Gennaio 17, 2021

Quartu, Graziano Milia è il nuovo sindaco: “Covid prima emergenza da risolvere. La città può rinascere.”_di Fabio Salis

Nel ballottaggio dell’8 e 9 novembre, i cittadini quartesi hanno scelto Graziano Milia, sceso in campo con una coalizione civica.

Il nuovo sindaco della terza città della Sardegna si è aggiudicato il 57,21% delle preferenze degli elettori, contro il 42,79% del candidato sardista. A Christian Stevelli non è bastato il vantaggio di circa otto punti percentuali ottenuto al primo turno sul candidato Milia per vincere le elezioni: l’ex presidente della Provincia di Cagliari ha infatti ribaltato il risultato che lo vedeva in svantaggio e dunque torna dopo diciannove anni sulla poltrona più alta del Municipio di Via Eligio Porcu (è già stato sindaco della città dal 1993 al 2001).

A caratterizzare quest’ultima tornata elettorale è stato ancora una volta il fattore dell’astensionismo: soltanto il 41,27% dei cittadini si è presentato alle urne contro il 49,76% del primo turno, a dimostrazione del fatto che il partito dell’astensionismo continua ad allargarsi inesorabilmente, come conseguenza della disaffezione da parte del cittadino nei confronti della politica, seppure si debba comunque tenere conto anche della situazione epidemiologica in corso che può aver influito sui numeri della partecipazione al voto.

Nella giornata di ieri, Graziano Milia ha rilasciato le sue prime dichiarazioni da nuovo primo cittadino di Quartu nella piazza davanti al Municipio, dove è stato accolto da un folto gruppo di sostenitori: “Ci tengo a dedicare la vittoria a due persone che non ci sono più: ad una giovane consigliera comunale, Federica Angius, e a Mario Fadda, l’ex sindaco di Maracalagonis. Agli elettori dico grazie, sarò il sindaco di tutti. Invito loro a stare uniti e a tirare fuori il meglio che abbiamo”.

A proposito del quadro epidemiologico che sta colpendo anche la città ha dichiarato: “L’emergenza Coronavirus è il primo problema che dovremo affrontare. Partiamo da una situazione difficile, dobbiamo affrontare questo momento terribile. Nelle prossime settimane la situazione sarà complicata soprattutto dal punto di vista economico e sociale. Ci sarà molto lavoro da fare e ho chiesto anche a Christian Stevelli di lavorare insieme per superarlo”. Il sindaco ha tenuto anche a sottolineare come in questo momento sia importante puntare sullo spirito e le capacità della cittadinanza, ossia su un contributo attivo e allargato di tutti coloro che abbiano a cuore il destino della città: “Quartu è una città importante, abitata da cittadini che hanno orgoglio e capacità di fare. Sono convinto che riuscirà a rinascere”.

Per quanto riguarda gli obiettivi programmatici, Milia e i suoi candidati puntano sulla volontà di migliorare i servizi, creare una città di mare che abbia l’ambizione di assumere un ruolo di maggiore rilievo all’interno della Regione e della Città Metropolitana. Tra i punti presenti nel programma ci sono: la tutela del paesaggio, la valorizzazione dei beni naturali (tra cui il Parco di Molentargius), l’implementazione delle attività turistico-ambientali, il rilancio delle produzioni agricole e lo sviluppo sostenibile.

1 thought on “Quartu, Graziano Milia è il nuovo sindaco: “Covid prima emergenza da risolvere. La città può rinascere.”_di Fabio Salis

  1. A proposito di tutela del paesaggio, spero che ,almeno in questa legislatura, si dia segnale di vera salvaguardia del paesaggio, restituendo ai cittadini boschi e spiagge ,indebitamente sottratte da privati,con recinzioni ,filo spinato e cancelli abusivi . Geremeas per es attende dalle sue precedenti legislature di essere liberata . Da persona sensibile ho raccolto atti ,mappe e documentazione in merito a tali abusi e sono a disposizione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *