Maggio 6, 2021

La Roma ha fatto la stupida stasera_di Edoardo Scarpetta

Roma nun fa’ la stupida stasera cantava Rugantino, ma lì si parlava d’amore.

Non sarà  certo un bianco Natale ma sicuramente sarà un Natale in bianco…O meglio in rosso, ma non come colore della festa ma per decreto.  

Oggi  23 -12-2020, ultima del campionato in questo anno infausto a porte chiuse, i il colore è il giallorosso, e non parlo  del Governo e dei suoi Dpcm, ma parlo della Roma di Fonseca.

Certo non è più la Roma dei Falcao e  dei Totti,  ma è pur sempre la Roma, una squadra ai vertici da ormai molto tempo e quindi giustamente assumiamo un atteggiamento prudente, forse troppo… Una Roma con la quale nel recente passato abbiamo condiviso pagine importanti di calcio mercato come quella del mai dimenticato Astori e di Radja Nainggolan, detto il Ninja.

la Roma domina nel primo tempo… fatto indiscutibile. Il Cagliari dei primi 20  minuti del secondo tempo è invece assolutamente competitivo e sciupone… Un gol difficile di Joao Pedro pareggia le sorti dell’incontro e subito dopo “ce magnamo”, detto alla romana , due occasioni nitide con tanto di traversa di Simeone… altra svolta dopo il  65° minuto la Roma riprende un po’ di campo e diventa più efficace minuto dopo minuto. Le squadre sono lunghe e quindi tutto può accadere. IL Cagliari sembra un po’ stanco ma tiene il campo. Forse i cambi un po’ tardivi e al 70° capitoliamo nella capitale. Un’altra ennesima azione costruita sulle fasce dalla Roma e goal. Di Francesco ritarda ancora i cambi e va avanti. Forse un errore? ma noi non siamo l’allenatore, direbbero i ben pensanti e saccenti del Cagliari ,  noi siamo solo degli umili tifosi… E a “pensà male a volte ce s’azzecca”, la Roma raddoppia e in 5 minuti ribalta la partita.

Ora i cambi… ma i buoi sono già usciti dalla stalla e sarà difficili  da riprendere. Il cagliari ci prova troppo timidamente, segna un goal inutile su rigore con una Roma che controlla e rischia di segnare ancora  e  quindi usciamo sconfitti.

Abbiamo perso la partita sulle fasce, un attacco che ha visto il gran ritorno di Joao Pedro con ben due reti,  il solito C-ragno che nel primo tempo soprattutto ha evitato il tracollo, una difesa con un buon Ceppitelli, un Simeone ancora impreciso e anche un po’ sfortunato… Di Francesco, nemo profeta in patria,  con poco coraggio nei cambi e si potrebbe andare avanti  ma  quel che resta della partita sono ZERO  punti con la classifica che resta immobile e comincia a destare qualche preoccupazione in un campionato che sembrava tranquillo, quasi anonimo.

Una partita di calcio è un soffio ininfluente della nostra vita, che per 90 minuti stacca però la spina dalle vicende di tutti i giorni, ed e’ per questo che ha sempre attratto la gente , il popolo…già dai tempi dei Gladiatori .

Ma ora e’ quasi Natale e allora dobbiamo ritrovare un po’ di serenità, anche se stiamo vivendo un momento difficile negli affetti e nelle vicende di tutti i giorni, e la nebbia che avvolge il futuro non aiuta di  sicuro.

A voi lettori voglio augurare un Buon Natale , facciamo una pausa dai brutti pensieri , cerchiamo di ritrovare noi stessi e  per quanto possibile le nostre famiglie , obblighiamoci alla serenità e alla felicità, non arrendiamoci alla preoccupazione… giochiamoci la nostra partita  fino in fondo quella che conta veramente!

E ora  a Gennaio… la parola forse passerà al mercato… si riprenderà con il Napoli in casa.

E vi voglio lasciare  con una canzone di Lucio Dalla, una poesia già da me citata in altri articoli,  scritta tantissimi anni fa ma mai cosi’ attuale ,che induce a più di una riflessione per l’anno che verrà…

“L’anno vecchio è finito, ormai
Ma qualcosa ancora qui non va

Si esce poco la sera, compreso quando è festa
E c’è chi ha messo dei sacchi di sabbia vicino alla finestra
E si sta senza parlare per intere settimane
E a quelli che hanno niente da dire
Del tempo ne rimane

Ma la televisione ha detto che il nuovo anno
Porterà una trasformazione
E tutti quanti stiamo già aspettando”

SEMPRE FORZA CAGLIARI  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *