Maggio 6, 2021

Supertifosi/Cento sfumature di rosso_di Edoardo Scarpetta

Per i tifosi rosso-blu la partita con la Juve è sempre stata la partita. Ieri affrontavamo una Juve ferita nell’orgoglio e nel portafoglio dall’eliminazione in coppa con il Porto dopo una partita dove la stella plurimilionaria Ronaldo aveva profondamente deluso i suoi stessi fans. Il Cagliari invece veniva da un tris di partite  che ha risollevato classifica e morale.

La cronaca della partita è abbastanza semplice e in sintesi al Sardegna Arena, dove c’erano sicuramente meno spettatori che davanti al T-Hotel il giorno prima, si è vista una partita double-face, con primo tempo do la Juve ha dettato i tempi e le sorti  della partita e  ma con un secondo tempo tutto del Cagliari . E allora penserete a un pareggio.

Invece …La juve  va subito in goal , con un colpo di testa del solito Ronaldo, lasciato un po’ troppo solo sullo stacco.

 Poi entra in scena di duo delle meraviglie, il sig. Calvarese e il V.a.r. Ronaldo stile Bruce Lee ( per i più giovani ricordiamo essere stato il re del Kung fu)  su una palla già persa e prende in piena faccia un incolpevole Cragno, che riporta evidenti ferite al volto. Solo per  pochi centimetri si è evitato il peggio.

Tutti si attendono il Rosso, ma lui  dice no! Calvarese dice no e allora ci vuol fare intendere  che il giallo (per alcuni ) è  diventato  stranamente una sfumatura del rosso, sanzionando  il  “buon” condottiero Ronaldo con una non convincente ammonizione. Molti dicono non voleva fare male , e noi propendiamo per questa tesi. Ma l’intervento è apparso fuori luogo tecnicamente  e  grave per le conseguenze che poteva provocare. Grande spavento ma fortunatamente il C-ragno ha portato a termine la sua partita.

Era rosso diretto, rosso scuro tendente quasi al nero, almeno è la mia opinione. Forse il sig. Calvarese lo ha fatto per noi . Non voleva turbare la Sardegna in zona bianca , con un rosso diretto e ha preferito passare dal giallo. A parte le batture per stemperare la delusione, occorre chiedersi: e il V.a.r? Non è  proprio intervenuto e questo è francamente inaccettabile per un fallo di tale portata.

Comunque si potrebbe dire “Repetita Juvent-us”, ricordando un’ altra recente partita dei bianconeri a Cagliari, diretta dal sig. Calvarese e che generò forti polemiche.

Tornando alla partita giocata, Juve che colpisce nel primo tempo altre due volte. Su rigore e su azione, sempre del ritrovato Ronaldo, pedina ritrovata e  fondamentale della scacchiera bianconera .

Ma molti  diranno … ma nel primo tempo la Juve ha dominato! Avrebbe vinto comunque. Vero, abbiamo concesso troppo ma non è stata una partita dall’esito scontato.

Il secondo tempo ha mostrato un Cagliari che ha lottato sino alla fine, diversamente da altre occasioni dove si sarebbe arreso .  E invece ritrova  il Cholito Simeone,  che segna un goal dei suoi.  Abbiamo fatto gioco e creato azioni pericolose, quindi dobbiamo ammettere, in fondo non abbiamo giocato male contro una delle prime della classe,  non la prima , almeno al momento. E  Il 3 a 1 finale per i bianconeri appare anche  po’ bugiardo .

Francamente devo dissentire con tutti coloro che dicono la Juve si è riscattata dalla partita di Coppa. Alla Juve non basterebbe neanche vincere il campionato per dimenticare l’ennesima delusione europea , senza dimenticare il danno economico conseguente . Un Ronaldo sicuramente arrabbiato e molto nervoso ha comunque ha dimostrato di essere il leader di una squadra che deve trovare ancora  la sua identità. Mister Pirlo deve lavorare ancora molto.

Il calcio è fatto di episodi, come la vita. E a volte basta poco per far pendere la bilancia del destino  da una parte o dall’altra. Un film di un po’ di tempo fa, “Sliding Doors”, raccontava tutto questo. Nel film perdere un treno della metropolitana era stato fondamentale per non perdere un amore, ieri un fallo , una espulsione non data ha cambiato forse l’esito della partita e il corso della storia o forse no. Giocare in superiorità numerica e senza Ronaldo in campo, per il Cagliari poteva essere un’occasione unica . Non lo sapremo mai. E allora torniamo con la testa al campionato e allo Spezia,  un’altra delle nostre finali , forse più importante di altre. Siamo però contenti per una prestazione che comunque ci ha consentito di lottare sino alla fine  e ci fa capire che il gruppo c’è, andiamo avanti così.

Sempre Forza Cagliari .

2 thoughts on “Supertifosi/Cento sfumature di rosso_di Edoardo Scarpetta

  1. Bravissimo! Sono d’accordissimo con te su tutto! Una cosa mi ha infastidito però. Ronaldo dà un calcio in bocca a Cragno e nessuno dei calciatori del Cagliari è andato a rimproverare o tirare almeno le orecchie a Ronaldo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *