Dicembre 1, 2021

Come fai a capire quali sono i tuoi valori?Due modalità inadeguate ed una corretta per scoprirli_di Giorgio Pisano

Se hai letto alcuni degli articoli precedenti dedicati ai valori e agli obiettivi, ricorderai che una modalità per identificare questi ultimi partendo dai valori è quella di utilizzare una domanda guida, ad esempio: “se dovessi vivere una vita pienamente allineata con i miei valori, quali obiettivi potrei perseguire“?

Questa domanda  presuppone che ognuno di  noi abbia fatto un lavoro profondo per conoscere realmente quali sono i valori che ci guidano.

Fermo restando che, in maniera semplicista, i valori rispondono alla  domanda: che cosa è realmente importante per me nella mia vita? oggi voglio condividere con te una tecnica per scoprire i propri valori partendo, in modalità provocatoria, da due pratiche decisamente inefficaci tipiche dei corsi motivazionali di 10/15 anni fa e, in molti casi, tutt’ora ancora in voga.

La prima modalità, che forse è la più sbagliata di tutte, è quella di prendere una lista di termini valoriali e scegliere quelli che riteniamo ci rappresentino di più; il motivo è legato al fatto che i valori sono delle etichette ed in PNL diremmo che sono delle nominalizzazioni, pertanto, quello che capita usando questo metodo è che noi scegliamo dei termini che ci piacciono o che semplicemente desideriamo avere e che potrebbero non avere nulla a che fare con noi. 

La seconda modalità più sbagliata è prendere a riferimento i valori delle persone di successo.

Anche qui migliaia di persone hanno partecipato ai certi corsi motivazionali e si sono sentite dire che le persone di successo hanno determinate caratteristiche e, soprattutto, certi valori, pertanto se anche tu vuoi avere successo devi possedere quei valori.

Come se ognuno di noi possa incarnare dei valori che non ha o possa iniettarseli endovena come nel doping di qualche anno fa.

Ora vediamo la modalità più semplice in assoluto, per individuare i propri valori, ovvero, rispondere alle domande: che cosa è veramente importante per me? A cosa non sarei mai disposto a rinunciare? Per quali valori sarei quasi disposto a dare la mia vita? E via di seguito.

Quello che otterremo sarà, in questa prima fase, soltanto una serie di termini valoriali, che, di per se, sono semplici parole che hanno bisogno di essere “esplorate“, o, come si dice nel gergo formativo,  è necessario definire il criterio di soddisfazione del valore personale

La domanda di estrazione sarà: Che cosa deve succedere affinché questo valore venga soddisfatto?  

Perché conoscere i propri valori è cosi importante?

Perché i valori, così come le credenze sono dei sistemi filtranti personali, che ci indicano che cosa è importante per noi. I valori ci indicano la direzione della nostra vita personale e ci spingono a compiere determinate azioni e non altre.

Non conoscere i propri valori è come intraprendere un viaggio in mare per perseguire degli obiettivi, senza consultare la carta nautica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *