Settembre 26, 2021

Su Poettu: ariseru e oi_di Giuseppe Podda

Giuseppe Podda

Il Poetto cambia così… come ieri…

la grande spiaggia quasi africana, dentro i casotti, non è più quella di una volta. 

I casotti sono scomparsi da tempo. oggi non è rimasta neanche la sabbia bianca finissima.

No c’est prus nudda.

Il poetto cambia così… come ieri…

Mancu po debaras. È finita la grande mangiata domenicale dei cagliaritani.

Sa papara manna a su dominigu, in su poettu, aintru de is casotus, fiat comenti de sa festa po sa torrida de sant’efis a sa scafa.

Unu gosu de sa brenti prena chi no ti nau.

“O gopai, si no dda feus sa papara manna totu innoi lassaus”.

È tutto finito.

Niente mangiata,

Mancu arrexonis e giuricus a or’ ‘e mari.

In su poettu est cambiau totu.

Ma c’è ancora il poetto?

Dov’è finita la lunga spiaggia quasi africana cantata da Giaime Pintor?

È nel regno dei ricordi.

1 thought on “Su Poettu: ariseru e oi_di Giuseppe Podda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *