Aprile 19, 2024

Incontro con Cecilia Onnis: “La menopausa non è più un destino da subire”_di Simonetta Columbu

0

Cecilia Nonnis nasce a Nuoro.
Si laurea a Cagliari dove si specializza in Endocrinologia.
Figlia del pittore Giovanni Nonnis oltre ad essere appassionata di medicina, ha curato numerose pubblicazioni sul padre, ama l’arte e il cinema.

“La menopausa non è più un destino da subire”. Disse Vittorino Andreoli. Cecilia, sei d’accordo? Assolutamente si, la menopausa non può e non deve rappresentare una fase critica della vita. Anzi.

Sappiamo che la menopausa compromette spesso la qualità del vivere quotidiano, è così? Si, la menopausa, pur essendo un evento fisiologico e non una malattia, è una stagione della vita in cui la maggior parte delle donne, in seguito al cessare dell’attività ovarica, va incontro ad una serie di cambiamenti che possono compromettere la qualità del vivere quotidiano.

A che età arriva normalmente la menopausa? Essa compare in genere intorno ai 50 anni, età in cui oggi la donna raggiunge spesso il punto più alto della sua realizzazione professionale e non è difficile capire quanto necessiti di una perfetta forma fisica e psichica.

Ma veniamo al dunque, cosa, con l’avvento della menopausa, compromette il benessere della donna e la porta dal medico? I sintomi, dovuti soprattutto alla carenza di estrogeni, ormoni che in menopausa l’ovaio smette di produrre, sono tanti. Fra i più comuni troviamo le vampate di calore, l’aumento di peso, l’alterazione del tono dell’umore e del ritmo del sonno, l’atrofia vaginale con la difficoltà ad avere rapporti, i dolori articolari e l’osteoporosi e a questi si aggiunge poi la modificazione di una serie di parametri, non percepita spesso come conseguenza della menopausa, come per esempio, l’aumento della glicemia, del colesterolo, della pressione, la riduzione della massa muscolare, del collagene con conseguente invecchiamento della pelle, ecc.

Qual è una via per gestire e affrontare questi problemi? Con la terapia ormonale sostitutiva o TOS che rende disponibili gli ormoni non più presenti. Nel contesto di un adeguato stile di vita, se non ci sono controindicazioni al suo utilizzo, il medico può dare alla donna le giuste informazioni perché comprenda quanto per la sua salute sia importante assumere la cura e quanto bassi siano i rischi che ciò comporta. Tuttavia oggi in Italia, solo il 5% delle donne in menopausa ricorre alla terapia sostitutiva nonostante siano più del 50% le donne ad avere i sintomi che la menopausa determina. Troppo spesso ciò che la menopausa può comportare viene sottovalutato. Vi faccio un esempio, le vampate di calore, certamente fastidiose e imbarazzanti, sono in genere percepite come un sintomo inevitabile e sopportabile, quindi “niente di grave”, ma in realtà possono essere il primo segno della compromissione del sistema cardiovascolare che inizia con l’aumento della pressione arteriosa e può portare, affaticando il cuore sino all’infarto e all’ictus. Gli studi oggi dicono che chi assume la TOS ha circa il 40% in meno di rischio cardiovascolare, e si capisce che non è poco. 

Quali altri problemi possono scaturire? Un altro problema a cui oggi si sta dando molta importanza è il cosiddetto Brain fog, letteralmente cervello annebbiato, cioè in presenza di sintomi quali vampate, insonnia e variazioni del tono dell’umore ci può essere un calo delle capacità cognitive e mnemoniche che in un periodo importante dell’attività lavorativa può costituire un vero handicap. Cosa suggerisce alle nostre lettrici? Credo che la menopausa non debba essere demonizzata, è semplicemente una nuova fase della vita che bisogna accogliere senza paura. Al tempo stesso è importante fare chiarezza, è importante affidarsi ad un medico affinché ci possa aiutare a gestire questa nuova fase nella maniera più idonea. Le donne sono meravigliose a tutte le età, ogni momento della vita può essere un occasione per scoprirci e ri-scoprirci, dovere di ogni donna è amarsi e prendersi cura di se stessa. Grazie cara Cecilia! È stato un vero piacere poter dialogare con te! 

About The Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *