Giugno 12, 2024

Comunque vada, merita la statua_di Massimiliano Morelli

0

Non sappiamo come andrà a finire, ma comunque vada dovremo ragionare sul fatto che anche Cagliari dovrà dedicare una statua a Claudio Ranieri, tipo quella eretta a Leicester dopo aver accompagnato una squadra fino a quel momento tutt’altro che vincente al titolo della Premier league. Perché stavolta, rispetto alla doppia promozione a cavallo fra gli anni Ottanta e Novanta, il “fatto” è ancora più clamoroso. Il testaccino ha raccolto i cocci di una rosa letteralmente allo sbando e l’ha portata al playoff, roba inimmaginabile a dicembre. E qui va aggiunto che nel cammino di rimonta gennaio-maggio neanche direzioni di gara ostili hanno fatto evaporare il sogno. Il Cagliari sta lassù nonostante Modena e l’assurda espulsione di Rog, i due rigori fischiati contro a Parma e quello decretato – sempre contro – all’ultimo respiro della sfida di Bari. Si dice “tutto si compensa nel calcio, a fine campionato”, ma la più scontata delle frasi pallonare – fateci caso – la esterna sempre chi ha gli episodi a favore e vuole allontanare sospetti, certo non chi i torti li subisce. Ecco, comunque vada è per lo meno certo che questa squadra di favori ne ha ricevuti zero. E, sempre comunque vada, che il futuro sia in A o ancora in B, l’augurio e la speranza è che si possa affidare al più trasversale degli allenatori, benvoluto a ogni latitudine, una compagine all’altezza. Con l’ulteriore auspicio e sogno che non sbarchino nell’isola felice cavalli di ritorno e gente che deve svernare. Squadra e popolo cagliaritano meritano ben altro.

About The Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *