Maggio 6, 2021

Quelle pescate con Gigi Riva_di Giorgio Ariu

Erano i giorni del Cagliari di Gigi Riva. A Cagliari era l’uomo che aggregava più di tutti. Anche fuori dallo stadio. Gianni  Brera, il mitico e inarrivabile cantore del calcio scritto, lo osannava (“trippallico” ) sul Guerino eppoi indugiava la domenica sera “ Da Bruno” per colossali mangiata e bevute sperando di incrociare Rombo di Tuono che, frattanto, si rifugiava dall’amico e maestro di vita (così anche nel necrologio) Martino Rocca. Per il più grande di sempre dei giornalisti sportivi il lunedì c’era allora la caccia, quella vera assieme a Domenghini, Poli, Gori, Brugnera, tutti presi per mano dal fido Bruno Mura.

“Martino scandiva i nostri lunedì e martedi, poi ci lasciava per il resto della settimana per non annacquare la concentrazione sugli allenamenti e la partita. Era di una generosità e di una affidabilità ineguagliabili. sempre prodigo di consigli, silenzioso, affidabile. Quanti giorni indimenticabili a casa sua a Flumini.!” Così oggi Gigi, seduto a tavola nel solito, affidabile, molto affidabile, ristorante in città.

“Mio padre volle chiamarmi Luisa in omaggio al suo grande amico, ed io assieme a mio fratello Stefano, sempre incricati con questi giganti lungo interminabili tavolate colme di pesci e crostacei, eravamo le mascotte. Non dimenticherò mai quella sera quando si presentò a casa con un orsacchiotto, era generoso, molto generoso con noi.Era un bellissimo 21 giugno, si festeggiava insieme l’onomastico. E alla stadio la domenica eravamo gli abbonati più giovani.” Cosi Luisa Rocca, oggi ai vertici assieme a Stefano di una azienda che sconfina oltre la penisola, sulla scia delle sfide di papà Martino. Certo i ricci e la bottarga per Gigi e la sua compagnia erano superiori, divini. E con quegli attesissimi lunedì e martedi, cosi partecipati (formazione rigorosamente scelta dal bomber, tra avvocati, magistrati, funzionari regionali, barbieri, i Farci del mercato di San Benedetto: tutti affidabili e silenziosi, molto affidabili e silenziosi) si celebrava il rito dell’amicizia e del buon vivere alla sarda. Eppoi cerchi di capire certe scelte di vita, e di luoghi di vita e l’amore per certi silenzi e quel valore chiamato affidabilità. Lo capì da subito anche Fausta,la sorella madre, che da Leggiuno di tanto in tanto veniva ad assaggiare questi sapori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *